Home News Attualità Jessica Bettini a Mezzogiorno in famiglia

Jessica Bettini a Mezzogiorno in famiglia

23
0

14962779_1247793791952420_7247041353601196270_nSi chiama Jessica Bettini, ha 40 anni ed è nata nel Comune di Portazzurro, nella bellissima e nota Isola d’Elba. Ad oggi è Delegata FIPGC dell’Isola D’Elba.

I primi di novembre, la professionista pastry toscana ha partecipato, insieme ad altri rappresentanti del Comune,  ai giochi di Mezzogiorno in Famiglia, sulla RAI. Durante la trasmissione si è raccontato il Comune di portazzurro, in vari aspetti, fra i quali anche quello culinario:

“In quanto nota in Paese – ci racconta Jessica – sono stata chiamata a presentare il tavolo dei dolci tipici. Ho mostrato alle telecamere la Schiacciadriaca di frutta secca, farina, olio di oliva, aleatico e mandorle; gli Anascioni, biscotti all’anice, usati per le feste importanti, come i sacramenti, da tuffare nella cioccolata calda; le Frangette, dolci fritti, simili alle chiacchiere. Infine le Sportelle: dietro questo dolce c’è una storia particolare. Sono preparate nel periodo pasquale e il dolce tondeggiante rappresenta la verginità della Madonna . La Sportella per tradizione si dona alla donna di cui si desidera la mano. Se la ragazza accetta la mano, nel cestino con la sportella è messo anche il Cerinito, un pane che rappresenta l’uomo.”

Oltre ai dolci della tradizione, Jessica ha presentato anche un dolce di sua creazione, la Longonese, a base di mandorle, farina, olio, aleatico, fichi secchi, creato in onore del suo paese, prima chiamato “Porto Longone”.

Pasticcera da tredici anni, nel tempo Jessica si è specializzata in cake design e torte moderne; nel 2013 ha visitato la fiera Host e ha conosciuto il direttivo FIPGC; da lì piano piano si è sempre più fidelizzata al team di questa grande federazione che, dice: “rispecchia le mie aspettative, cioè essere coinvolti e considerarti al pari”.

La Bettini ha anche ideato un programma sulla tv locale: “Perché è  bello poter trasmettere ciò che hoimparato, e questa esperienza mi ha dato modo di entrare nelle case dei miei concittadini”.

 

(23)