Home News Attualità La storia dell’uovo di Pasqua

La storia dell’uovo di Pasqua

299
0

fipUova di cioccolato: fondente, fondente extra, al latte, bianco, pralinato, con nocciole, con pistacchi: tante le varianti oggi presenti.
Oggigiorno, l’uovo di Pasqua permette tanta creatività non solo nella composizione del cioccolato utilizzato, ma anche nelle decorazioni (incisioni, applicazioni) o persino nelle “sculture” di cioccolato.
La tipica forma dell’uovo, infatti, può dare via libera a tante composizioni fantasiose in cui l’uovo diventa un cactus, il corpo di una tartaruga, la parte di un soggetto di cioccolato più complesso.
fip-2A dare esempio di decori con fiori così belli che paiono fatti di veri petali è stato Gennaro Filippelli (Equipe Eccellenza Italiana Cake Design) con l’aiuto di Salvatore Gualtieri (Delegato della provincia di Catanzaro) nel recente corso di “Fiori Realistici su uova di Pasqua in Cioccolato“.
A far vedere, invece, come la forma dell’uovo possa essere base per altre creazioni più articolate è stato Cristian Beduschi (Vice Presidente Della Federazione Internazionale Pasticceri, Campione del Mondo ed Equipe Eccellenza Internazionale) nel recente Master sardo “Soggetti Pasquali“.

 

Ma quali origini ha l’uovo come dono?
Si sa per certo che l’uovo in tantissime culture ha rappresentato la vita e si sa che scambiarsi uova di gallina in dono è una tradizione già presente nella Storia fra gli antichi Persiani, gli Egizi, i Greci e i Cinesi.
Le uova già in quelle lontane epoche venivano abbellite con decori fatti a mano e in molte culture erano associate all’avvento della Primavera.fip-3
Il dono dell’uovo, simbolo della vita, è arrivato anche nel cristianesimo e nel cattolicesimo che hanno trasformato il significato di rinascita della natura, nel passaggio dall’inverno alla primavera, in rinascita del Cristo a Pasqua.
L’uovo nel Medioevo conobbe una nuova fase, quando si diffuse, nei ceti alti, l’uso di creare uova artificiali rivestite in materiali preziosi
Nella Storia, però, l’uovo di Pasqua più celebre è con molta probabilità quello dell’orafo Peter Carl Fabergé, il quale su commissione dello Zar di Russia realizzò un uovo “matrioska” di platino smaltato di bianco contenente un ulteriore uovo, creato in oro, il quale conteneva a sua volta due doni: una riproduzione della corona imperiale ed un pulcino d’oro. Era il 1883.

 

UOVO-2L’uovo di cioccolato
Ma fu in Francia e in Germania, nell’800, che l’uovo di Pasqua divenne di “cioccolato”, quando cioè la tecnica di produzione del cacao migliorò, permettendo la creazione di una pasta ottenuta con cacao in polvere magro, zucchero e burro di cacao adatta ad essere fusa, colata e raffreddata in uno stampo. Le uova, però, erano piene, non come le conosciamo oggi. Il primo uovo di Pasqua vuoto, invece, fu inventato nel 1875 dalla Cadbury. Nasceva l’uovo di pasqua moderno con tanto sorpresa all’interno.

https://www.facebook.com/federazioneitalianapasticceria/photos/pcb.1607127165967462/1607126869300825/?type=3&theater

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

(299)