Home News L'angolo del nutrizionista Le caratteristiche nutritive del cioccolato

Le caratteristiche nutritive del cioccolato

708
0

Il cioccolato piace a molti e spesso lo mangiamo con gran piacere ma, a volte, ci tormenta un senso di colpa perché ci chiediamo se faccia bene alla nostra salute.Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza e capire quali siano le proprietà benefiche del cioccolato e quali le sue controindicazioni.

A cutorriellira della Dott.ssa SARA TORRIELLI

Partiamo dalla materia prima del cioccolato, il cacao. Il cacao contiene proteine, lipidi, glucidi, diversi sali minerali e vitamine del gruppo B. Contiene, inoltre, serotonina, tiramina, caffeina, teobromina e feniletilamina, sostanze chimiche con proprietà benefiche per l’organismo, tanto che il cacao viene considerato un alleato di cuore e cervello.
Gli antiossidanti del cacao aiutano a combattere l’azione dei radicali liberi e rallentare il processo di invecchiamento delle cellule, mentre teobromina e caffeina aiutano a mantenere la concentrazione e la prontezza di riflessi.
La serotonina e la tiramina sono utili contro la depressione e i disturbi d’ansia.
Per beneficiare appieno delle proprietà del cacao occorre preferire il consumo di cioccolato amaro, come ingrediente nelle varie ricette, oppure il cioccolato fondente di buona qualità.
Tutti gli studi eseguiti finora, infatti, confermano che i maggiori benefici alla nostra salute sono apportati dal consumo di cioccolato con alta percentuale di cacao (naturalmente senza esagerare).
Nel cioccolato amaro e nel fondente troviamo l’epicatechina, il flavonoide che conferisce il classico gusto amaro, che mantiene inalterate le sue proprietà antiossidanti.
Nel cioccolato fondente troviamo 50-60 mg di flavonoidi, mentre nel cioccolato al latte solo 10 mg nel; il cioccolato bianco, invece, non contiene antiossidanti, in quanto privo di cacao, e contenente solo il burro di cacao, cioè i grassi delle fave di cacao.
In generale il cioccolato ha altre buone proprietà: è energetico e le sue caratteristiche ne fanno un alimento particolarmente consigliato per sportivi e adolescenti. In particolare, è perfetto per gli sportivi che praticano sport invernali.
È un concentrato di energia a rapido assorbimento di potassio, ed è facilmente digeribile.cioccolato-5
In generale, premesse le buone qualità del cioccolato (in particolare di quello fondente), non dobbiamo dimenticare che contiene anche molte calorie, per questo bisogna prestare la massima attenzione alle quantità consumate, per evitare problemi di sovrappeso e relative controindicazioni ed è molto importante che sia di ottima qualità.
L’apporto calorico è sovrapponibile per i diversi tipi di cioccolato (fondente, al latte o bianco), si tratta in tutti e tre i casi di prodotti ipercalorici (apportano 500-550 Kcal per 100 gr). In un regime alimentare equilibrato e in assenza di particolari patologie, si consiglia di consumare 2-3 quadratini al giorno di cioccolato fondente, per esempio come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio.
Sarebbe meglio evitare di somministrare cacao ai bambini da zero a tre anni, in quanto potrebbe scatenare reazioni allergiche; per lo stesso motivo è sconsigliato alle donne che allattano al seno. I bambini che soffrono di acetone devono astenersi dal consumarlo a ridosso degli episodi acuti.
Nelle persone soggette ad ipertensione e nervosismo la presenza di caffeina nel cacao potrebbe accentuare questi sintomi, inoltre, potrebbe aumentare l’insonnia nelle persone predisposte. Per la presenza di tannini, principi attivi che hanno proprietà astringenti, si sconsiglia l’uso a persone con problemi di stitichezza e di emorroidi.
Cioccolato e cacao in generale sono controindicati in chi soffre di ernia iatale, gastrite, reflusso gastroesofageo, coliche, ulcere, calcoli ai reni ed emicrania.
In realtà, per sapere quanto ne possiamo consumare, occorre tener presente che non c’è una semplice risposta, perchè dipende molto dal tipo di cioccolato, dalla propria sensibilità all’insulina, dal tipo di attività che si pratica e altri fattori ancora.

Il mio consiglio? Qualche quadratino di cioccolato una volta ogni tanto (maggior libertà negli sportivi e in chi conduce una vita particolarmente attiva), dando la preferenza a cioccolato fondente con almeno un 70 % di cacao. Leggere sempre le etichette con gli ingredienti, ed evitare i prodotti che contengono dolcificanti artificiali e grassi diversi dal burro di cacao (oli vegetali idrogenati o grasso di palma). Dal 2000 è stata ammessa l’aggiunta di grassi vegetali diversi dal burro di cacao nella quantità del 5 per cento massimo. Quest’aggiunta deve essere espressa in etichetta e determina una qualità meno pregiata di cioccolato, perché addizionata di olio di palma, di karitè, di cocco e altri oli tropicali.

 

(708)