Home News Wedding Cake la sua storia in breve

Wedding Cake la sua storia in breve

76
0

Le torte nuziali, a dolce chiosa del lieto evento, hanno da sempre simboleggiato valori culturali e sociali dell’epoca in cui venivano ideate; oggi qualcosa è cambiato: le torte simboleggiano maggiormente i gusti individuali più che sociali, diventando un dolce ad immagine e somiglianza dello stile della sposa.

I matrimoni, in quanto riti, sono sempre stati festeggiati da tutte le civiltà con simboli di fertilità e ricchezza. Ed è proprio in questi antichi simboli che hanno origine le torte nuziali come le conosciamo oggi. I Greci impastavano dolci con miele e farina e durante il banchetto si offriva alla sposa una fetta di dolce, un dattero, una mela cotogna in segno di fertilità. Dopo secoli di ricette semplici i Romani cominciarono ad affinare i loro gusti, cosicché anche nei matrimoni troviamo ricette ritenute più squisite per i palati del tempo; sappiamo dalle fonti storiche anche alcuni dettagli dei banchetti, per esempio che si era soliti cospargere il capo della sposa con briciole che venivano poi mangiate dagli invitati.
Ma è nel Medio Evo che nasce la torta “alta”, assemblata con pani e biscotti. Gli inglesi erigevano veri e propri muretti glassati con il lardo; era di buon auspicio per gli sposi riuscire a baciarsi sopra il muretto senza farlo crollare. Nel XVII secolo uno chef francese ebbe la grande idea di legare i pani dolci con il caramello dando vita al primo Croquenbouche.
Sempre nello stesso periodo nei paesi anglosassoni si diffuse la Bride’s Pie, una crostata a base di frattaglie, ostriche e spezie.
Durante il banchetto una delle donne presenti avrebbe potuto trovare nella propria fetta un anello di vetro, nascosto all’interno della torta durante la preparazione, in segno di augurio per future e imminenti nozze.
La prima torta con copertura bianca, ispirata alla purezza della sposa, la sua verginità e alla ricchezza della famiglia di origine compare solo nell’800: più chiara era la torta più ricca era la dote della sposa.
Emblematica nella storia del dolce fu la torta preparata per il matrimonio della Regina Vittoria, totalmente bianca e simboleggiante fedeltà, candore, amore coniugale ma soprattutto fu la prima grande torta “scultura”. Nel 1882 il figlio della Regina Vittoria, Leopoldo, diede origine alla torta “a piani”, completamente edibile, costruita usando dei pilastri di sostegno. Più avanti troveremo la torta a tre strati il cui top, chiamato Christening Cake, veniva conservato per poi essere servito durante i festeggiamenti del primogenito. Nel nostro secolo e soprattutto nell’ultimo ventennio spopola invece la Wedding Cake Design: si spazia dalla Naked Cake, la torta nuda, la cui farcitura è completamente a vista, decorata con frutta fresca e fiori veri, alla Dirty Ice Cake la torta ghiacciata, ricoperta con un velo di crema e spatolata per tutta l’altezza di ogni piano, molto delicata ed elegante.
In questo ultimo decennio molto richieste sono le torte coperte in pasta di zucchero, perfette esteticamente, ma con limiti al gusto, mentre le ultimissime tendenze stilistiche optano per la Color Drip Cake, evoluzione più golosa della Wedding, la cui caratteristica è una coloratura di glassa e cioccolato che scende lungo i bordi e altezze della torta.
Concluderei con due tendenza del momento: la Mettallic Cake, che arriva dall’America (le torte sono impreziosite con gioielli, brillantini, glitter e con base argento) e la Dress Cake (il cake design prende spunto dall’abito da sposa e progetta una torta con le stesse caratteristiche dell’abito nuziale).

Mary Cocciolo

(76)